Post election

Nei giorni caldi della campagna elettorale ho cercato di non entrare nelle polemiche che hanno caratterizzato una delle campagne elettorali più violente, prive di contenuti ma piene di urla che io abbia mai visto. Come sono andate le cose lo sapete, adesso sono i giorni delle telefonate, degli incontri, delle scaramucce, insomma di tutto quello … [Read more…]

Umberto Mucci dixit

Come premessa: per quanto io conti zero, e quindi zero conti la mia ammissione, personalmente ho perso su tutta la linea. Ho cercato per quanto in mio potere di esporre quotidianamente fatti, realtà, verità che spiegassero la follia di un voto grillino, e loro sono il primo partito. Ho cercato di combattere come potevo anche … [Read more…]

Le sharmutte (di Stelio W. Venceslai)

Questa campagna elettorale sembra programmata per deficienti. Nessuno propone cose nuove, tutti vogliono abolire qualcosa. Forse hanno capito che agli Italiani non piacciono le riforme, che possono complicare la vita ma che non la migliorano. Allora smantelliamo tutto. L’idea di smantellare piace di più, perché il sistema è talmente ingarbugliato che, ormai, tutto è diventato … [Read more…]

Il mondo al contrario

Leggo, con un po’ di noia e un leggero senso di nausea, tutti i numerosi commenti sulla questione delle molestie sessuali alle attrici e alle donne che hanno a che fare con lo spettacolo. Non conosco il produttore ingrifato americano, non saprei se è tutto vero o no, ma ci sono un paio di aspetti … [Read more…]

Hiberia felix (di Stelio W. Venceslai)

  Immaginiamo che Provenza o Baviera decidano, in un attimo di smarrimento mentale, di organizzare un referendum per ottenere l’indipendenza, rispettivamente, da Parigi o da Berlino, la prima invocando come tessuto connettivo la comune langue d’oc, la seconda la dinastia dei Wittelsbach. Tutte ragioni storico- linguistiche nobili, anzi nobilissime. Arruffa popolo, libertari, anarchici e finissimi … [Read more…]

Coalizioni, liste civiche e bancarelle. (di Stelio W. Venceslai)

Dai risultati della tornata amministrativa di ieri, che ha coinvolto quasi dieci milioni di elettori, emergono alcuni dati significativi a carattere generale. • Il primo è che la gente va a votare solo se è interessata alle questioni che si dibattono. L’astensione c’è sempre, ma è minore quando si tratta di consultazioni elettorali locali. La … [Read more…]